Calendario

 



F.A.Q

sulla Campagna del Fiocco Bianco

  • Che cos’è la Campagna del Fiocco Bianco?
    La Campagna del fiocco bianco (White Ribbon Campaign - WRC) rappresenta la più vasta azione al mondo condotta da uomini che operano per porre fine alla violenzadegli uomini sulle donne. In quasi cinquanta paesi le campagne sono portate avanti sia uomini che da donne, nonostante l’attenzione principale sia posta sull’educazione degli uomini e dei ragazzi. In alcuni paesi rappresenta un’azione di educazione pubblica generale volta a porre fine alla violenza sulle donne.

  • In che modo è nata la Campagna del Fiocco bianco?
    Nel 1991, in Canada, un gruppetto di uomini decise che era loro responsabilità fare pressione sugli uomini affinché prendessero una posizione netta di denunciacontrola violenza sulle donne. Dopo soltanto sei settimane di preparazione, 100.000 uomini in tutto il Canada indossavano un fiocco bianco. Molti altri erano stati coinvolti in discussioni e dibattiti.

  • Che cosa significa portare un fiocco bianco?
    Portare un fiocco bianco rappresenta un impegno personale a non commettere mai, né a giustificare o a rimanere in silenzio, di fronte ad atti di violenza commessi sulledonne. Portare un fiocco bianco è un modo per dire “nel nostro futuro non c’è posto per la violenza sulle donne”.

  • Quali sono gli obiettivi della Campagna e in che modo vengono perseguiti?
    Le modalità di realizzazione variano da paese a paese. In Canada si lavora con ragazzi e con giovani uomini. Viene Fornito materiale educativo per le scuole e attraverso annunci radiofonici e televisivi si promuovono rapporti sani e egalitari cercando di far riflettere i ragazzi sulle scelte che fanno rispetto alla possibilità di far uso della violenza. Viene prodotto materiale da impiegare nei luoghi di lavoro, di cultoe nelle comunità. Favoriamo un coinvolgimento più attivo dei padri. Incoraggiamo la raccolta di fondi a livello locale a sostegno di gruppi di donne che operano sul territorio. Manteniamo un sito con unaserie di materiali disponibili e lavoriamo in rete con altre Campagne del Fiocco Bianco in altre parti del mondo.

  • Qual è il momento centrale della Campagna del Fiocco Bianco?
    In molti paesi va dal 25novembre (Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne) al 10 dicembre.. In Canada arriva al 6 dicembre, che rappresenta la Giornata Nazionale di azione e commemorazione della violenza sulledonne. In altri paesi le manifestazioni a sostegno del Fiocco Bianco si tengono in altri periodi dell’anno Filosofia di base

  • Di quali forme di violenza sulle donne vi occupate?
    I problemi più diffusi riguardano gli atti di violenza fisica sulle mogli e le fidanzate (dalle percosse all’omicidio) e sessuale (per lo più commessi dal fidanzato, dal marito, da un adulto di cui ci si fida o da un membro della famiglia). Esistono poiforme di abuso emotivo, come le molestie sessuali sul luogo di lavoro o per la strada, la persecuzione, battute e storielle che ledono la dignità delle donne, e comportamenti di controllo. In alcuni paesi, inoltre, si assiste alla mutilazione genitale delle bambine e al traffico di ragazze e giovani donne per il mercato della prostituzione.

  • Come vi ponete rispetto ad altre forme di violenza?
    Sebbene porre termine alla violenza degli uomini sulle donne rappresenti il nostro obiettivo
    principale, noi ci occupiamo di qualsiasi forma di violenza. Particolarmente di quella sui bambini, ma anche di quella tra uomini sui campi da gioco, nelle palestre, nei rapporti e in guerra. Così come ci sentiamo coinvolti rispetto ad atti di violenza commessi da donne su altre donne o su uomini, ancorché questi ultimi non assumano le stesse proporzioni o conducano a esiti letali con la stessa frequenza degli atti diviolenza commessi dagli uomini sulle donne. A differenza della violenza che qualche donna può commettere sugli uomini, quella commessa sulle donne da alcuni uomini è stata per lungo tempo socialmente accettabile e ha radici profonde nella concezione della superiorità maschile e del diritto di controllo che spetta agli uomini sulle vite delle “loro” donne. intima.


  • Significa quindi che gli uomini sono cattivi? Lei è anti-maschile?
    Noi non riteniamo che gli uomini siano violenti per natura né che siano cattivi. In molti paesi la maggioranza degli uomini non è violenta fisicamente. Studi in materia ci dicono che in molte culture del passato non si faceva mai o quasi mai ricorso allaviolenza. Allo stesso tempo, noi siamo profondamente convinti che alcuni uomini abbiano imparato a esprimere la loro rabbia o la loro insicurezza attraverso la violenza. Sono assolutamente troppi gli uomini che ritengono che esercitare violenza sulla moglie, sui figli, o su un altro uomo sia un modo accettabile di controllare un'altra persona, specialmente una con la quale si ha una relazione Se si rimane in silenzio davanti a fenomeni di questo tipo, consentiamo ad altri uomini di avvelenare i luoghi di lavoro, le scuole, le case. La buona notizia è che ci sono sempre più uomini e sempre più ragazzi che vogliono “fare la differenza”. Gli uomini che sono altruisti, generosi con le loro compagne e se ne prendono cura, sono stanchi di vedere le donne alle quali vogliono bene soffrire a causa di comportamenti sessisti. Non siamo anti-maschili perché il lavoro che portiamo avanti è stato iniziato da uomini ai quali sta a cuore la vita degli uomini e dei ragazzi


  • Avete opinioni vostre anche su altre questioni di attualità?
    Il nostro obiettivo è coinvolgere gli uomini e i ragazzi in una campagna mirata alla creazione di un futuro privo di violenza sulle donne. Tra gli attivisti della Campagna del Fiocco Bianco c’è una grande diversità di opinione su molte questioni importanti, comprese quelle relative alla morale, alla religione e alla politica. Sono questioni importanti che non dovrebbero tuttavia impedire agli uomini di collaborare a un progetto inteso a porre fine alla violenza sulle donne, alle aggressioni e alle molestie sessuali. Siamo quindi d’accordo nel mantenere opinioni diverse. Tra noi ci sono uomini che coprono tutto l’arco politico, dalla destra alla sinistra, tutte le religioni, i gruppi etnici o razziali, le formazioni culturali

    .
  • Tutti devono indossare un fiocco bianco?
    Alcuni gruppi usano un fiocco fatto di tessuto, altri piccole spille fatte a forma di fiocco bianco appuntate su di un distintivo. Altri hanno il logo con il fiocco bianco stampato sulla T-shirt o sul cappello oppure usano fasce da polso di tessuto o di plastica. Altri ancora usano il logo soltanto su poster, pamphlet o annunci televisivi.


  • Chi da inizio alle campagne locali o nazionali?
    La Campagna del fiocco bianco è unica nel suo genere, in quanto si tratta di un’azione decentralizzata basata sulla convinzione che le persone conoscono meglio che cosa sia veramente in grado di raggiungere gli uomini e i ragazzi a livello territoriale, nelle scuole, sul posto di lavoro, nell’intero paese. In questo senso, chiunque condivida gli obiettivi e la filosofia della Campagna del fiocco bianco può dar vita a un’azione. Noi incoraggiamo i sostenitori del Fiocco bianco in ogni paese o comunità a lavorare insieme. In alcuni paesi esiste una Organizzazione del fiocco bianco ufficiale.


  • Le donne aderiscono al Fiocco bianco? Indossano il fiocco?
    In Canada, la Campagna del fiocco bianco viene portata avanti soprattutto da uomini ed è diretta a ragazzi e giovani uomini. Abbiamo tuttavia anche delle donne nel nostro staff. Ci sono molte campagne a livello locale che vengono sostenute da gruppi di donne, altre sono guidate insieme da uomini e da donne e le donne prendono parte a molte, se non alla maggior parte, delle attività. In alcuni paesi e università, a guidare la Campagna del fiocco bianco sono esclusivamente uomini. In altri, si tratta di un’azione che vede una guida congiunta di uomini e donne, se non principalmente di donne. Sebbene il fiocco bianco sia nato in origine come simbolo dell’opposizione da parte degli uomini alla violenza sulle donne, in molte scuole e comunità viene indossato sia da maschi che da femmine. Noi ci auguriamo, tuttavia, che l’obiettivo dell’azione rimanga il raggiungimento degli uomini e dei ragazzi con il nostro messaggio di rispetto.


  • Quali sono i vostri rapporti con i gruppi di donne?
    Noi riconosciamo la competenza e il ruolo centrale delle donne nella lotta contro la violenza sulle donne. Sono state le pioniere di questo lavoro; hanno messo a punto programmi di sostegno per le donne, condotto azioni di sensibilizzazione anche in favore di cambiamenti nella legislazione. Noi incoraggiamo i nostri gruppi a livello locale a mantenere un dialogo continuo con le organizzazioni di donne nel loro territorio.


  • Chi amministra la Campagna del fiocco bianco?
    In Canada viene eletto un Consiglio di Amministrazione i cui membri sono volontari. Esiste inoltre uno staff di poche ma dedicate persone. Negli altri paesi del mondo, la Campagna viene gestita da organizzazioni diverse. Il cuore e l’anima dell’organizzazione è comunque rappresentato da uomini e donne come lei, da persone interessate al problema.


  • In definitiva, di che genere di organizzazione si tratta?
    E’ un’organizzazione diversa da qualsiasi altra. Non solo annovera persone di diversa origine sociale eorientamento politico, ma si tratta soprattutto di un’organizzazione che ha evitato di darsi una struttura gerarchica o burocratica. Noi vogliamo che l’accento rimanga sulla comunità, sulle scuole e sui luoghi di lavoro.


  • In che modo raccogliete il denaro?
    In Canada la Campagna è finanziata attraverso le donazioni di singoli sostenitori, sindacati, aziende, istituzioni religiose, fondazioni, e attraverso azioni di raccolta fondi. Progetti specifici vengono finanziati dal governo.


  • Questo sottrae denaro ai gruppi di donne?
    Il fiocco bianco canadese dà il sostegno ai programmi delle donne incoraggiando gli uomini a fare offerte generose e chiede alle scuole e altre istituzioni di organizzare raccolte di fondi. Riteniamo che dando il nostro contributo alla riduzione della violenza sulle donne, contribuiamo anche al finanziamento dei servizi per le donne. Riteniamo inoltre che quanti più uomini considereranno importante questa questione, tanto maggiore sarà il supporto finanziario per le azioni condotte dalle donne.


  • Fornite garanzie o sostegno finanziario?
    Purtroppo la Campagna del fiocco bianco non è nella condizione di concedere garanzie o finanziamenti per sostenere progetti, organizzazioni, viaggi o per dare vita a sedi locali o nazionali della Campagna. In che modo posso dare il mio contributo? Ti invitiamo a sostenere le attività del Fiocco bianco nella tua comunità. Ti invitiamo anche ad aiutare la Campagna del Fiocco bianco in Canada o negli altri paesi del mondo attraverso un generoso sostegno finanziario.


  • In che modo posso dare il mio contributo?
    Ti invitiamo a sostenere le attività del Fiocco bianco nella tua comunità. Ti invitiamo anche ad aiutare la Campagna del Fiocco bianco in Canada o negli altri paesi del mondo attraverso un generoso sostegno finanziario


CAMPAGNA DEL FIOCCO
BIANCO
Uomini, con le donne, contro la
violenza alle donne: un impegno
per cambiare il futuro.
www.fioccobianco.it

Promosso dall’ Associazione Artemisia
Via del Mezzetta 1 int., 50135 Firenze
Tel. 055/602311 Fax: 055/6193818
www.artemisiacentroantiviolenza.it

Aderiscono all’iniziativa:
Aiutodonna Comuni di Pistoia e dell'Area Pistoiese; Gestione Associata per le Pari Opportunità Comune di Pistoia, Sanbuca P.se, Marliana; Provincia di Pistoia.


Associazione Artemisia; Assessore alla Pubblica Istruzione Comune di Firenze; Comune di Firenze; Commissione Pari Opportunità della Provincia di Firenze; Commissione Pari Opportunità della Regione Toscana; Cesvot; Presidente della Regione Toscana; Presidente della Provincia di Firenze Regione Toscana

.
Associazione Donne e Giustizia Onlus di Ancona; Casa Rifugio Zefiro coordinata dalla cooperativa sociale La Gemma di Ancona

Associazione Luna Onlus; ASL 2; Assessore alle Pari Opportunità Provincia di Lucca;, Cesvot; Comune di Lucca; Comune di Capannoni; Regione Toscana.


Casa delle donne per non subire violenza; Assessora alla Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bologna; Assessore all’ Istruzione Formazione e Lavoro della Provincia di Bologna; Dirigente dell'ufficio scolastico provinciale di Bologna (MIUR); Gruppo Maschile Plurale, con un contributo della Cooperativa CADIAI

CIRSDE-Centro Interdisciplinare Ricerche e Studi delle Donne; Università di Torino; Provincia di Torino - Servizio Pari Opportunità e Politiche dei Tempi; Comune di Torino - Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere– Tempi e Orari della citta’; Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne.

Cooperativa Cerchi d'acqua; Associazione donne insieme contro la violenza - Pieve Emanuele; CADM – Milano; CADOM – Monza; Provincia di Milano; Servizio alle Politiche di Genere Provincia di Milano.

Enti e Associazioni del Tavolo permanente contro la violenza alle donne della zona pisana: :AIED, ASL 5, Associazione Casa della Donna,Associazione Donne in movimento, Provincia, Comune-Consiglio Cittadino P.O., Assessorato delle Pari Opportunità, Società della salute zona pisana.

Gubbio - Commissione Pari Opportunità del Comune di Gubbio, Comune di Gubbio, Consigliera di Parità della Provincia di Perugia.

Coopertiva Alice – Centro antiviolenza “La Nara”;Comune di Prato; Commissione Pari Opportunità della Provincia di Prato; Provincia di Prato.


Differenza Donna, Roma. Provincia di Parma; Consigliere di Parità; Assessora alle Pari Opportunità e Assessora alle Politiche Sociali.

Con il consenso di:
THE WHITE RIBBON CAMPAIGN
Our Future Has No Violence Against Women
www.whiteribbon.com


[faq]